Articoli

Eco-bio: uomo e ambiente al primo posto!

mare 1 Prima metà di questo giugno 2014. Il   caldo è arrivato, è decisamente arrivato. Ecco la prima ondata di calura estiva, 30 gradi. Chiusi nei nostri uffici davanti al pc a scrivere, mandare email, aggiornare i social, cercare su internet super offerte per la nostra meritata vacanza di almeno 7 giorni.

I quotidiani e le riviste ci offrono spunti e immagini paradisiache di acque cristalline, luoghi poco noti che varrebbe la pena visitare… modelle con indosso i nuovi costumi pensati per l’estate 2014 e con corpi già abbronzatissimi… ovviamente cosa viene voglia di fare?

Mollare tutto e godersi, almeno per il momento, un tanto agognato weekend al mare… vicino casa… Roma per questo offre una grande varietà di luoghi marinari facilmente raggiungibili… perché, diciamocelo, a nessuno piace essere a metà giugno e non avere neanche un minimo di abbronzatura… sarà la moda, sarà il fatto che siamo italiani ma arrivare a luglio bianco latte non piace a nessuno!

… e allora ecco qualche utile consiglio su come scegliere le creme solari eco-bio per proteggersi!

Questa nuova tendenza, eco-bio per l’appunto, sta prendendo sempre più piede… e se già ne avete fatto uso per i vostri capelli, per il viso e il corpo eccovi anche qualche suggerimento per proteggervi dai raggi UVA e UVB.

Ma perché scegliere una crema eco-bio? Perché è un prodotto naturale e sano, che non presenta sostanze chimiche dannose per l’uomo e per l’ambiente.

Da evitare, quindi, sono i prodotti contenenti filtri solari chimici, derivati del petrolio, che da una parte permettono l’assorbimento dei raggi solari ma dall’altra creano un surriscaldamento della pelle. Sono utilizzati a causa del loro prezzo contenuto e per il fatto di essere trasparenti e quindi non anti-estetici. Tra i più utilizzati troviamo Ethylhexyl Salycilate, Diethylhexyl Butamido Triazone, Butyl Methoxydibenzoylmethane, Methylbenzyliden Camphor (4-MBC), Benzophenone-3(Bp-3), Octyldimethyl-PABA (OD-PABA), Ethylhexyl Triazone. Altre sostanze proibite dalla certificazione eco-bio sono quelle che si trovano nei solari resistenti all’acqua: Paraffinum Liquidum; Petrolatum, Vaseline, Mineral oil!

Attenzione quindi! Sostanze da privilegiare sono, invece, i filtri solari fisici: Zinc oxide (ossido di zinco), Talc (talco)e Titanium dioxide(diossido di titanio). Queste respingono i raggi solari, senza provocare un surriscaldamento della pelle. Sono naturali, hanno una composizione molto più semplice e più ne spalmiamo più ci proteggiamo perché più concentrate.

Impariamo quindi a salvaguardarci e a salvaguardare l’ambiente perché basta veramente un piccolo gesto e dieci minuti di attenzione per leggere le etichette dei prodotti! …e con questo… Buone vacanze!

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie privacy policy.