...dal fruttivendolo a febbraio

Ore 20, San Lorenzo, Roma. Sono uscita dal lavoro e non so che cosa mangiare per cena. Sinceramente non ho troppa voglia di pensarci e neanche molta voglia di impegnarmici più di tanto.unnamed

Entro dal fruttivendolo di via Tiburtina… mi piace la distesa di colori, il verde dei 10 tipi di insalate, i rossi dei pomodori, le forme e le screziature delle mele… il mio frutto preferito! A pranzo mangio quasi sempre carboidrati… una pasta, un panino e la sera, almeno ultimamente, cerco di pensare a qualcosa di diverso.

Tutto ciò per dire che cercando su internet qualche ricetta diversa per preparare la verdura mi sono imbattuta in un articolo interessante: consumare frutta e verdura allontanerebbe ansia e depressione.

Beh, che dire? Non mi sembra poco! Pare infatti che una dieta squilibrata e ricca di grassi peggiori il nostro stato psichico mentre frutta e verdura producano effetti benefici sull’umore.

Ovviamente è necessaria un’alternanza di tipi e di colori diversi. Per esempio le verdure giallo-arancioni, come carote, pomodori, peperoni e albicocca sono ricche di antiossidanti; gli ortaggi a foglia verde, spinaci, broccoli, lattuga alleviano il senso di stanchezza e confusione mentale grazie all’apporto di potassio. Agrumi e fragole , invece, contengono la vitamina C che, in casi di stress prolungato, tende a venire meno.

Ovviamente è sempre preferibile scegliere la frutta e verdura di stagione e gennaio ci offre ortaggi dal sapore deciso:  cavoli, cavolfiore, cime di rapa e radicchio. Classica frutta di questo periodo dell’anno sono gli agrumi ma a volte possono stancare! Valida alternativa è l’ananas, anche se d’importazione. Mangiarne fa bene e fa perdere peso, anche se, ovviamente,  tutto ciò è legato al tipo di alimentazione che seguiamo. Contiene infatti un enzima, la bromelina, che inibisce il corpo all’assorbimento di proteine.

Il mio consiglio è quindi quello di porre di più attenzione a quello che mangiamo e, a volte, se avete tempo, magari evitate di andare al supermercato per comprare frutta e verdura ma privilegiate i piccoli fruttivendoli del quartiere perché anche il piacere di un negozietto ricco di colori può essere una piccola carezza quotidiana che nello stress di tutti i giorni non può che farci almeno sorridere.