image
a difesa del cittadino

BLUE BOOK 2014 E SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

idrici1Mercoledi 14 maggio si è svolta presso la nuova Aula dei Gruppi Parlamentari di Roma la presentazione del Blue Book 2014 sui dati del Servizio Idrico Integrato in Italia, a cura della fondazione Utilitatis e in collaborazione con Federutility. Un momento canonico, in cui gli addetti ai lavori e la politica si confrontano sulla situazione idrica nazionale e le prospettive da intraprendere.

Leggi tutto: BLUE BOOK 2014 E SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

Parchi per cani: la situazione a Roma

              cane corre parco giochi

E’ da poco iniziata la primavera, con le sue belle giornate tiepide e assolate che ci rendono un po’ più rilassati e allegri, ma mai allegri quanto il nostro caro amico fido: sì, i nostri i cani non vedono l’ora di scorazzare al mattino con il bel sole per i parchi della capitale, in bei spazi aperti nel verde, liberi, senza lo stretto guinzaglio che gli frena l’entusiasmo.

Solo che, i nostri cari amichetti, qui a Roma, hanno ben poche aree dove correre tranquillamente senza guinzaglio, e le poche aree che ci sono, spesso sono troppo piccole per contenere tutti i cani di una qualsiasi zona. Per questo motivo un sacco di gente se ne infischia e lascia libero il cane in zone dove non si dovrebbe, cioè in parchi che non hanno quelle aree predisposte e magari non accorgersi che i quadrupedi vanno nei parchi giochi, causando preoccupazioni dei genitori che temono gli avvicinamenti dei cani sui loro piccoli. E’ da qui che nasce uno dei problemi fra padroni di animali e non, dove i secondi si sentono infastiditi dalla presenza del cane o hanno paura di esso nel caso sia di una taglia grossa, d’altro i canto i possessori di cani fanno spesso come gli pare a loro, tralasciando anche il loro compito di raccoglierne le feci; la causa di queste “disattenzioni” la potete ben immaginare.

Le poche belle aree per lasciar liberi i cani sono il parco della Caffarella, la Valle dei Cani a Villa Borghese e il parco del Pineto, aree spaziose dove non ci sono disagi per padroni e cani. Il resto delle zone dove portare a spasso i cani, senza alcun problema, sta solo sulla carta: molti degli spazi elencati nel sito dell’UDA (ufficio diritti degli animai) non corrispondono a veri e propri spazi, e molti di essi non hanno recinzioni e cartelli. Tra gli esempi di questi luoghi ci possono essere Villa Celimontana e Circo Massimo, entrambe situate al centro di Roma. Magari ci sono anche altre zone discrete come Villa Paganini, che però possiede il difetto di avere delle recinzioni troppo larghe dove cani di piccola taglia possono passarci e andarsene. Spesso poi capitano inconvenienti con la segnaletica, nel quale i proprietari dei cani non si accorgono del cartello che indica l’area in cui possono girare i cani,  perché è assente o perché messo in un posto ben poco visibile, e tali inconvenienti fanno pagare salate multe agli impotenti amici degli animali.

Riassumendo ciò, un aumento e il miglioramento delle aree ludiche per cani sarebbe doveroso farlo, per migliorare la coabitazione tra la gente che sta nei parchi e, soprattutto, migliorare le giornate dei nostri amici a quattro zampe e fare sì, che non debbano rappresentare un problema per chi li tiene. In più, un atteggiamento di maggior sensibilità da parte nostra verso i nostri fedelissimi amici, sarebbe d’obbligo.

 

http://www.udacomuneroma.it/fidopark/

 

 

 

 

 

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie privacy policy.